Home > Salute > Analisi Del Sangue Serie Rossa

Analisi Del Sangue Serie Rossa

1. la serie rossa

a) La conta dei globuli rossi (RBC) o eritrociti (GR) o emazie

Ogni adulto ne possiede circa 30.000 miliardi e sono i responsabili del trasporto di ossigeno per la respirazione cellulare. Si formano nel midollo osseo e per la loro produzione sono necessarie alcune sostanze come la vit.B12, l’acido folico e il ferro. La durata dei GR è di circa 120 giorni; quindi essi vengono segregati nella milza e nell’intero sistema reticolo endoteliale e scomposti. La loro materia prima viene in massima parte riutilizzata per i nuovi GR.

I valori normali della quantità assoluta circolante dei GR viene espressa con la sigla RBC

valori normali di RBC

Uomini            4.5 – 6.1 milioni/ml

Donne            3.9 – 5.4 milioni/ml

Cosa significa una riduzione degli eritrociti (RBC)?

La riduzione dei RBC si dice anemia e può verificarsi a seguito di

  perdita attraverso un’emorragia evidente o interna o nascosta ad es. nelle feci o nell’urina
  incompleta o difettosa struttura degli stessi GR (carenza di vit.B12, l’acido folico e il ferro)
  decomposizione troppo veloce o distruzione abnorme dei GR (forma difettosa, patologia del sistema reticolo endoteliale)

Cosa significa un’aumento degli eritrociti (RBC)?

L’aumento degli eritrociti può essere dovuto a

  un minore apporto di ossigeno dall’esterno (lunga permanenza ad alte quota)
  una ridotta concentrazione interna di ossigeno (malattie polmonari o cardiache croniche)
  una malattia del midollo osseo per produzione eccessiva dei RBC

La valutazione del quadro ematologico non avviene mai in base ad un solo valore di laboratorio; presuppone invece il confronto con altri parametri, ad esempio numero di eritrociti, emoglobina ed ematocrito.

b) l’ematocrito (HCT)

Attraverso un processo di centrifugazione, il sangue viene scomposto in parte corpuscolata e liquida, descrivendo quindi la quantità percentuale dei RBC rispetto al sangue totale. L’ematocrito costituisce quindi un altro parametro per definire la reale quantità di globuli rossi atti a trasportare ossigeno ai tessuti ed escludere anemie.

Valori normali dell’ematocrito

Uomini                                   42-50%

Donne                                    36-45%

Bambini: neonati                45-75%

1 mese                                   30-55%

6 mesi                                    34-46%

da 1 a 4 anni                        33-44%

10 anni                                  36-43%

Cosa significa una riduzione dell’ematocrito?

Una riduzione dell’ematocrito significa che o la parte corpuscolata del sangue è diminuita (parimenti dovrebbero essersi abbassati anche il numero degli eritrociti e il valore dell’emoglobina) o che la parte liquida (ad esempio per una iperidrata­zione del corpo) è aumentata.

Cosa significa un aumento dell’ematocrito?

Un aumento dell’ematocrito può significare o un incre­mento della parte del sangue corpuscolata (poliglobulia) o una diminuzione della parte fluida (disidratazione molto grave del corpo detta ispissatio sanguinis).

C) IL VALORE ASSOLUTO DELL’EMOGLOBINA (HGB)

E’ definito come il pigmento dei globuli rossi atto a trasportare l’ossigeno ai tessuti. Quando l’HB, all’interno dei polmoni tramite il processo di respirazione, si lega all’ossigeno si chiama ossiemoglobina, un composto che conferisce al sangue il caratteristico colore rosso vivo. L’emoglobina è una grossa molecola che si forma nel midollo osseo a partire da due componenti: l’eme con atomi di ferro e una proteina a forma di doppia catena (alfa e beta), la globina, alla cui formazione provvedono principalmente la Vit. B12 e l’acido folico. Il sangue ricco di ossigeno scorre nelle arterie, quello che ne è povero nelle vene. Spesso in base al colore del sangue è possi­bile distinguere se un’emorragia è arteriosa o venosa.

Valori normali dell’HGB

Uomini              20-40 anni                    13-18 g/dl

                                    > 40 anni                      14-17 g/dl

Donne               20-40 anni              12-16 g/dl

                                    > 40 anni                      12-17,5 g/dl

Bambini           

Neonati                         17-27 g/dl

                                   1 mese                                     12-22 g/d

                                   6 mesi                                      10-15 g/dI 

                                   1 anno                                                                                                9,5-14,5 g/dI 

                                   4-10 anni                                                                                             10-16g/dI

Cosa significa una riduzione di emoglobina?

Normalmente il valore dell’emoglobina è direttamente correlato al numero di eritrociti, quindi una loro carenza in­dica generalmente anche una scarsità di emoglobina. Un ab­bassamento del valore dell’emoglobina è perciò sintomo di un’anemia.

Cosa significa un aumento di emoglobina?

Anche nel caso di aumento dell’emoglobina si può pre­vedere un incremento dei globuli rossi (poliglobulia), le possibili cause sono quindi le stesse dell’aumento del nume­ro di eritrociti.

Quando le due catene (alfa e beta) della globina sono sproporzionate nel loro rapporto, si parla di talassemia o anemia mediterranea. Talassemia alfa o talassemia beta, a seconda del deficit. In tal caso si ha una distruzione accentuata (anemia emolitica) dei globuli rossi.

d) Gli altri parametri dei globuli per la valutazione delle anemie: 

MCV
MCH 
MCHC
RDW
HDW

Lo studio delle anemie è un fenomeno complesso, ma spesso negli esami di routine appaiono dei valori che vanno conosciuti.

Quando l’eritropoiesi, cioè la formazione dei globuli rossi nel midollo osseo è qualitativamente normale, l’ematocrito e il numero dei globuli rossi per ml di sangue sono strettamente correlati tra loro e subiscono variazioni consensuali. Quando, al contrario l’eritropoiesi diviene qualitativamente alterata (come in alcune anemie acquisite o congenite) questi rapporti possono modificarsi. Vengono allora studiati altri parametri come il:

MCV il volume corpuscolare medio dei globuli rossi (si ottiene dividendo l’ematocrito per il numero dei globuli rossi)
MCH il contenuto medio di emoglobina per ciascun globulo rosso (si ottiene dividendo l’HB espressa in g/dl per il numero dei globuli rossi nello stesso volume)
MCHC la concentrazione corpuscolare media di emoglobina è il rapporto fra la quantità di emoglobina in g/dl e il volume dei globuli rossi espressi nell’ematocrito. 

In alcune situazioni anemiche, per esempio nelle anemie per difetto di ferro (anemie sideropeniche) il numero dei globuli rossi può essere normale o addirittura aumentato per riduzione del MCV (microcitosi) e della MCH (ipocromia). Nel caso di accentuata distruzione dei globuli rossi ( anemie emolitiche) si ha una diminuzione di RCB ma l’anemia è normocitica e normocromica per la normalità di MCV e MCH.

In altre situazioni anemiche il numero dei globuli rossi è invece diminuito più di quanto non siano ridotti l’ematocrito e l’emoglobina. Si viene allora a determinare un aumento del MCV e della MCH (macrocitosi). Questo fenomeno è caratteristico delle anemie perniciose, a causa della carenza di Vit.B12 e di acido folico (elementi essenziali alla formazione della globina) ma anche di altre anemie per difetto di formazione della struttura del globulo rosso.

In altri casi può essere aumentato il MCV ma non la MCH (microcitosi e normocromia) come nelle anemie carenziali, cioè quando vengono a mancare sia il ferro che  la Vit.B12 e l’acido folico. Anche in quel caso si ha un grande globulo rosso ma scarsa MCHC, cioè diminuzione della concentrazione di emoglobina nel globulo. A seconda della caratteristica del deficit, si parlerà di megaloblastosi e megalocitosi in deficit di vitB12 e macroblastosi e macrocitosi nel deficit di acido folico.

Per una migliore valutazione delle anemie, in laboratorio oggi si applicano i cosiddetti parametri della distribuzione

RDW l’indice di distribuzione dei volumi eritrocitari                          vn.11-16.5 %

HDW   l’indice di distribuzione della concentrazione di HB               vn. 2.2-3.2 g/dl

Tutti gli eritrociti che l’analizzatore conta, vengono in questo caso riportati in un diagramma cartesiano, sul cui asse verticale viene indicato il volume delle emazie mentre sull’asse orizzontale si descrive il loro contenuto di emoglobina. Nel paziente normale la totalità delle emazie cade in un quadrante centrale del diagramma, mentre gli eritrociti di piccolo volume (microcitosi) e di basso contenuto di emoglobina (ipocromia) sono distribuiti in basso e a sinistra.

e) La sideremia. La ferritinemia. La transferrinemia. 

Per la valutazione di un’anemia, cioè della diminuzione del trasporto di ossigeno ai tessuti per l’energia cellulare, si valutano anche gli elementi essenziali al formarsi dell’emoglobina e quindi del globulo rosso. La globina, com’è noto, si unisce agli atomi di ferro formando l’eme. Il ferro di deposito e di trasporto costituisce quindi un parametro essenziale per diagnosticare, prevenire e curare un’anemia.

Più della metà del ferro dell’organismo è contenuto nei globuli rossi e si rende disponibile per la formazione dei nuovi globuli a partire dalla distruzione dei vecchi, globuli da parte della milza e dell’intero sistema reticolo endoteliale. Quindi è un sistema chiuso e solo una piccola percentuale dipende dall’assorbimento intestinale. Tuttavia il ferro è distribuito anche in altre proteine di deposito circolante (sideremia) e di trasporto (transferrinemia). In alcune patologie o eventi emorragici, diminuiscono non solo l’ematocrito e l’emoglobina ma anche i parametri di deposito, di trasporto e lo stesso equilibrio di ferro nei tessuti (ferritinemia). Negli stati di anemia emolitica (accentuata distruzione dei GR) e nell’anemia perniciosa si può avere un certo incremento della ferritinemia. Un grande incremeneto si ha invece nel sovraccarico di ferro (emocromatosi).

Valori normali

Sideremia                       uomo                                     70 –230 microgr/ml

                                         donna                                   60-150

 

Ferritinemia                  uomo                                     14-230 mg/ml

                                          donna fertile                      8-280 

                                         in menopausa      20-320                   

Transferrinemia       205-374 mg/100ml

  1. Nessun Commento.
Memorizzazzione Commento in Corso, Attendi...

Raccontaci Il Tuo Sogno

Allowed tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>
Trackbacks & Pingbacks ( 0 )
  1. No trackbacks yet.